Rassegna Stampa – Settembre 2019

Sguardo A Sud è la rassegna stampa quotidiana su ambiente e territori, in Italia e nel mondo.
Vuoi riceverla anche tu? Iscriviti cliccando qui per la rassegna quotidiana, e qui per quella settimanale.

RASSEGNA STAMPA 20 SETTEMBRE 2019
 
DAI TERRITORI:
  • CSA ASTRA: Il quartiere del Tufello di Roma risponde all’amministrazione che pochi giorni fa ha chiesto 250mila euro di arretrati al Centro sociale autogestito della zona, calcolati con un affitto a pieno canone di un locale commerciale che fa attività a scopo di lucro, e di lasciare l’immobile entro 30 giorni. Ieri gli attivisti hanno reso pubblica la notizia, chiarendo di non avere «nessuna intenzione di lasciare il centro sociale» e di essere «pronti alla mobilitazione sociale e politica, fino a opporre fisicamente resistenza allo sgombero». Articoli su DinamoPress
  • TORINO: Questa mattina, sono state emesse numerose misure cautelari nei confronti di militanti anarchici – provenienti dal Piemonte, dalla Lombardia e dalla Sardegna – per lo sgombero dell’occupazione dell’Asilo. Articolo su OpenOnline
  • CUCCHI: Ha inizio la requisitoria del pubblico ministero nel processo bis in Corte d’Assise contro i cinque militari dell’Arma accusati del pestaggio di Stefano Chucci, ragazzo romano di 31 anni morto nel 2009 all’ospedale Pertini sei giorni dopo essere stato arrestato dai carabinieri per droga. Articolo su Repubblica
  • LARINO: Dopo l’incendio dell’impianto Enel avvenuto il 10 settembre, il Sindaco dichiara che prima degli accertamenti sulla causa dell’incidente, la zona deve essere messa in completa sicurezza. Articolo su TermoliOnline
  • XYLELLA: Procedono «col contagocce» i reimpianti in provincia di Lecce, nell’area infetta da Xylella fastidiosa. Secondo un’analisi di Coldiretti Puglia, presentata alla riunione di coordinamento convocata dal ministro delle Politiche Agricole Teresa Bellanova, «sono stati reimpiantati solo 300 ettari con circa 120mila piante resistenti, di cui il 45% di varietà Leccino e il 55% di Favolosa». Scheda del conflitto su Atlante CDCA. Articolo su GazettaDelMezzogiorno
  • DINAMO SCHOOL: Tornano le lezioni della piattaforma di informazione indipendente. Da inizio ottobre a metà dicembre, tre nuovi corsi, seguiti da poi laboratori e workshop intensivi. Maggiori dettagli su DinamoPress
  • CORSI DI A SUD: In collaborazione con l’Università Roma Tre e l’Associazione Nazionale dei Film-makers e Video-makers Italiani, A Sud e il Cdca – Centro Documentazione Conflitti Ambientali, continuano la propria offerta formativa con la terza edizione del Corso di videomaking e giornalismo ambientale d’inchiesta 2019. Maggiori dettagli su A Sud Onlus
DAL MONDO:
  • ON FIRE: In termini di emissioni di carbonio, le nostre decisioni individuali non cambieranno nulla vista la portata del cambiamento di cui abbiamo bisogno. Il fatto che per molte persone parlare dei propri consumi individuali sia più rassicurante che parlare di un cambiamento sistemico è un prodotto del neoliberismo. Intervista a Naomi Klein su OpenOnline
  • MESSICO:  Quale è la situazione nel paese dopo quasi un anno dall’insediamento di AMLO? Intervista a Mariaestela Barco attivista a fianco degli zapatisti fin dagli anni ‘90 e coordinatrice della Associazione DESMI, pubblicata su DinamoPress
  • ISRAELE: Benny Ganz molto probabilmente sarà il prossimo primo ministro di Israele, dopo aver proclamato la sua vittoria ha anche chiuso a Netanyahu, senza escludere però una possibile alleanza con il suo partito Likud, a condizione che si liberi del capo. Articolo su OpenOnline
  • VIOLENZA INVISIBILE: Tra le tante separazioni su cui si è costruito il dominio maschile, l’opposizione individuo-genere è quello che permette tutt’ora di considerare le donne alla stregua di un gruppo sociale omogeneo, e l’uomo l’essere che nella sua particolarità e universalità sfugge a qualsiasi appartenenza. Articolo di Lea Melandri su ComuneInfo
  • CRISI CLIMATICA:
    – Sulla base della traiettoria attuale, secondo un importante studio francese, qualora la crescita economica fosse ancora alimentata dalle energie fossili, l’aumento della temperatura media globale alla fine del secolo potrebbe arrivare fino a 7 gradi centigradi. Articolo su LifeGate
    –  Secondo le Nazioni Unite entro il 2050 ci saranno tra venticinque milioni fino a un miliardo di persone costrette a lasciare il proprio paese a causa dei cambiamenti del clima. Una delle contraddizioni della contemporaneità. Articolo su ComuneInfo
  • – Ogni anno, circa 206 milioni di individui hanno subito le conseguenze di disastri ambientali. Tralasciando quelli che hanno un reddito superiore ai 10 dollari al giorno e quindi rientrano nel segmento più agiato dell’umanità, si può ritenere che circa 108 milioni abbiano avuto bisogno di assistenza da parte delle organizzazioni umanitarie. Articolo su LifeGate
  • AMAZZONIA: Il modello estrattivista, l’esportazione di carne e soia, il razzismo e la violenza fomentati da Jair Bolsonaro sono alcuni dei combustibili che stanno bruciando l’Amazzonia. Cosa dicono le comunità sotto attacco. I crimini. Le donne. Le sorprese. Cosa significa resistere? Azioni nella giungla più grande del mondo affinché la vita sia possibile. Reportage su DinamoPress
RASSEGNA STAMPA 19 SETTEMBRE 2019
 
DAI TERRITORI:
  •  BIODIVERSITA': Moreno Di Marco, dell’Università La Sapienza di Roma, ha dimostrato che gli ecosistemi vergini, dove l’impatto umano è minimo o assente, agiscono come uno scudo per conservare la biodiversità. “Indispensabile salvaguardare tali zone, una volta perdute non le si può ripristinare”. Articolo su Repubblica
  • RIFIUTI: Dopo i no di Roma Capitale e Città Metropolitana sul tavolo della conferenza dei servizi, arriva uno stop che, salvo clamorose sorprese, rappresenta la pietra tombale sul progetto della Torre di Procoio srl. La società avrebbe infatti voluto realizzare a Pian dell’Olmo un invaso nel quale smaltire 700mila metri cubi di scarti del trattamento dei rifiuti indifferenziati di Roma. Quei residui che la Capitale porta in altre regioni. Articolo su RomaToday
  • XYLELLA: Alla fine è arrivata anche la condanna della Ue. Ma perché non siamo riusciti a fermare il batterio che fa strage di ulivi in Puglia? Qui, l’agronomo Giovanni Melcarne, che sta sviluppando varietà resistenti all’epidemia, se la prende con la politica che, invece di zittire i guru e i santoni antiscientifici, spesso ci è andata a braccetto. Video su Repubblica 
  • LAZIO: I beni confiscati trasferiti dall’Agenzia Nazionale dei Beni Sequestrati e Confiscati ai Comuni del Lazio sono 793 di cui 448 in provincia di Roma. I Comuni assegnatari di beni confiscati sono 74. Nei prossimi mesi saranno trasferiti nel Lazio da parte dell’Agenzia Nazionale altri 1.116 beni. Articolo su RomaToday
  • EMERGENZA CLIMATICA: Investire nella manutenzione del verde esistente, assumere giardinieri, contrastare il consumo di suolo ed impegnarsi per la bonifica del Tevere. Sono tante ed ambiziose le richieste che arrivano dal Parlamentino di via Benedetto Croce, promosse dal gruppo romano di Fridays For Future, che il 24 vedrà se anche il Campidoglio deciderà di approvare la dichiarazione di emergenza consegnata a giugno. Articolo su RomaToday
  • LINCEI: Chi è Battaglia, il professore negazionista che insulta Fridays For Future e che l’Accademia dei Lincei di Roma ha voluto coinvolgere in una giornata sull’Emergenza Climatica del 12 novembre. Articolo su Repubblica
DAL MONDO:
  • AMAZZONIA: Gli incendi stanno distruggendo la foresta pluviale amazzonica del Brasile. Ma che cosa hanno a che fare le maggiori aziende mondiali di fast food come McDonald’s, KFC e Burger King e ancora Nestlè e Carrefour, con questa situazione? Articolo su GreenMe
  • RUSSIA: Una centrale nucleare di dimensioni ridotte, firmata Rosatom che può fornire energia elettrica ad una città di 100mila abitanti. Una particolarità la rende unica (e inquietante) al mondo: è stata costruita su una gigantesca piattaforma galleggiante. Si chiama Akademik Lomonosov. È lunga 140 metri e larga 30. Per 21mila tonnellate di peso. Articolo su Valori
  • MIGRAZIONI: Secondo le nuove stime pubblicate dal Department of economic and social affairs (Desa) dell’Onu, «Nel 2019, il numero di migranti internazionali nel mondo ha raggiunto i 272 milioni, cioè un aumento di 51 milioni in rapporto al 2010. Attualmente I migranti internazionali rappresentano il 3,5% della popolazione mondiale, contro il 2,8% nel 2000». Articolo su GreenReport
  • LAVORO: In Italia sono sempre di più i migranti che riescono a trovare un lavoro, ma le condizioni offerte difficilmente permettono loro di uscire da situazioni di povertà e inoltre le offerte che ricevono sono sempre per mansioni inferiori a quelle che potrebbero svolgere, anche quando hanno qualifiche di studio elevate,
    lo si evince analizzando il ‘Migration Outlook 2019′ dell’Ocse. Articolo su EuropaToday
  • SUMMIT ONU: Il Climate Action Summit del 23 settembre ha come obiettivo, quello di spingere i governi ad adottare azioni concrete per attenuare la crisi climatica, ma le premesse non lasciano mai sperare. Articolo su Valori
  • PLASTIC FREE: Entro il 2021 (anche) l’Italia dovrà applicare la direttiva recentemente approvata in Ue sulla plastica monouso, che impone tra le altre cose il divieto di commercializzazione dei manufatti monouso in plastica che vanno sostituiti da altri prodotto monouso in materiali compostabili, che dovrebbero trovare il loro fine-vita nella filiera del recupero dei rifiuti organici. Articolo su GreenReport
  • FRANCIA; Sei reattori nucleari transalpini in funzione delle compagnie francesi EDF e Framatome hanno dei problemi di fabbricazione in alcuni dei loro componenti. Ad oggi però, nessun impianto è stato spento perché, secondo Edf, il problema non comprometterebbe il funzionamento degli impianti. Articolo su GreenMe
RASSEGNA STAMPA 18 SETTEMBRE 2019
 
DAI TERRITORI:
  • AMA: Fra tredici giorni l’ordinanza sui rifiuti scadrà e al tavolo tecnico che vede seduti Comune, Regione e ministero dell’Ambiente si è stabilito che verrà prorogata, nonostante si sia smesso di rispettarla come l’attezione mediatica si è abbassata durante l’estata. Su questo pare non ci siano passi indietro. Articolo su RomaToday
  • ENERGIE IN MOVIMENTO: Lo stesso giorno in cui a Pontida Matteo Salvini prometteva battaglia e minacciava il ricorso a un referendum popolare contro i tentativi di modifica delle due leggi su Sicurezza e Immigrazione, a Roma si elaborava l’avvio di una campagna politica di mobilitazione sui territori per la loro completa cancellazione. Articolo su DinamoPress
  • ECOFEMMINISMO: Dopo il focus-lab “Crisi climatica ed ecotransfemminismi” tenutosi al Venice Climate Camp, Radio Sherwood ha intervistato Beatrice Del Monte e Marita Cassan, attiviste dell’assemblea transterritoriale terre corpi e spazi urbani di Non Una Di Meno. Articolo su GlobalProject
  • SALARIO MINIMO: Quello del salario minimo è un tema tornato al centro del dibattito politico in Italia, tra i pochissimi paesi europei a non prevedere una misura di questo tipo. I due partiti di maggioranza che sostengono il governo Conte II – Movimento 5 Stelle e Partito democratico – hanno raggiunto un accordo di programma in cui viene stabilito che il salario minimo sarà introdotto, ma come è da stabilire. Articolo su ValigiaBlu
  • SUOLO: Nel 2018 a Roma sono stati consumati 75 ettari di suolo su un totale di suolo consumato di 29mila 875 ettari. Nella sola capitale, quindi, sono stati cancellati più della metà degli ettari consumati nel 2018 nell’intera provincia: 125. Articolo su RomaToday
DAL MONDO:
  • AIRBNB: Come tutte le piattaforme, Airbnb si libra dalle nuvole, per poi atterrare nelle città, producendo effetti disgreganti, tra rialzo degli affitti, gentrificazione e barbara turistificazione di intere città, cui l’Italia sembra vittima predestinata. Recensione di “AirBnB città merce” su DinamoPress
  • ISRAELE: La situazione resta incerta, ma è evidente che Netanyahu, dominatore della politica israeliana per due decenni, alle elezioni di ieri non ha ottenuto la vittoria in cui sperava e per cui ha moltiplicato le promesse e i colpi di scena. Articolo su Internazionale
  • MESSICO: Le spiagge del golfo del Messico sono disseminate di agglomerati di petrolio e sabbia che impiegheranno almeno 30 anni a decomporsi. Articolo su LifeGate
  • TUNISIA: Nel paese nordafricano vincono il primo turno due candidati conservatori dalla retorica populista e anti-establishment. La sinistra frammentata rimane indietro. A ottobre sarà la volta del secondo turno, mentre la rivoluzione del 2011 rimane un ricordo lontano. Articolo su DinamoPress
  • UE: Anche l’organo Ue ritenuto finora, a torto o ragione, il braccio armato dell’austerity, ammette che il rigore ha fallito. E che è ora di cambiare marcia sul Patto di stabilità e crescita. Liberando gli investimenti pubblici dalla tenaglia dei rigidi parametri di spesa del Fiscal compact. Articolo su EuropaToday
  • FRANCIA: Per i viticoltori della Borgogna, in Francia, il cambiamento climatico è un fatto tangibile: le annate eccezionalmente calde e secche sono diventate la norma. Lo confermano i dati relativi a Beaune, una cittadina che si trova a sudovest di Digione. Articolo su Internazionale
  • GERMANIA: La Cdu ha deciso di orientare le sue proposte su un doppio binario: il risparmio energetico e la mobilità. Secondo la proposta della Cdu di Merkel le tasse sui voli nazionali (7,38 euro attuali) saranno raddoppiate per disincentivare un mezzo di trasporto poco “eco-friendly” come l’aereo, mentre l’Iva sui biglietti del treno sarà diminuita. Articolo su EuropaToday
RASSEGNA STAMPA 17 SETTEMBRE 2019
 
DAI TERRITORI:
  •  ENI:
    – Nel maggio 2010, l’ad di Eni Claudio Descalzi, allora numero due della società, incontrò il presidente della Nigeria Jonathan Goodluck, con il quale aveva una relazione di familiarità, per sbloccare il negoziato per l’acquisizione da parte di Eni e Shell dell’ambita licenza Opl245. Con questa ammissione da parte di un manager Shell chiamato a testimoniare, si chiude la prima udienza dopo la pausa estiva del processo in corso a Milano. Articolo su Valori 
    Approfondisci su Focus Eni di A Sud
    – Fortissimo il boato avvertito dai residenti che hanno poi visto alzarsi in cielo una colonna di fumo nero che ha reso l’aria irrespirabile. L’incendio si sarebbe verificato all’Isola 7 della raffineria di Eni a Sannazzano de Burgondi. Articolo su Repubblica
  • TERREMOTO: Corre lungo la statale 77 la cicatrice dolente delle Marche. 4mila residenti in meno e ancora 30.710 sfollati. Muccia, Camerino, Tolentino; e poi Visso, Ussita e Castelsantangelo: ad ogni uscita, un macigno su un’economia fino al 2016 in equilibrio tra accoglienza, agricoltura e commercio. Articolo su IlSole24Ore
  • MORTI BIANCHE: Tarsem e Prem Singh e i due loro dipendenti, di uno dei più grandi allevamenti bovini del Pavese, sono morti annegati in una vasca agricola. Indagini per stabilire il grado di tossicità sprigionato dai fertilizzanti nell’invaso. Articolo su Repubblica
  • DISSESTO: Molte emergenze, pochi fondi. E un timido tentativo di investire nella prevenzione. È questa la fotografia dell’Italia alle prese con i cambiamenti climatici: negli ultimi sei anni sono stati proclamati 87 stati di emergenza con danni riconosciuti per oltre 9,4 miliardi di euro. A fronte dei quali, però, gli importi trasferiti sono stati meno del 10 per cento. Articolo su IlSole24Ore
DAL MONDO:
  • TUNISIA: Quello della recente tornata elettorale è stato un voto anti-sistema, di protesta. Così possono spiegarsi i primi dati in arrivo dai segg: affluenza del 45%, in testa ai 26 candidati presidenti, l’indipendente Kais Saied con il 19,5% delle preferenze e il magnate delle telecomunicazioni in prigione Nabil Karoui, con il 15,5%. Il ballottaggio probabilmente a ottobre.Articolo su NenaNews
  • AMAZZONIA: Chi si nasconde dietro il business della deforestazione? Che sia per ricavare olio di palma e mangimi, o per allevare bestiame, la domanda di nuove estensioni di terra è cresciuta a tal punto che poco importa se questa terra sia occupata da foreste primarie o habitat insostituibili. E il fiammifero viene acceso. Articolo su Valori
  • OCEANI: Contrariamente a quanto si temeva, non sta rallentando la circolazione delle correnti nell’oceano Atlantico, preziosa per l’equilibrio del clima. A tenerla in vita potrebbe contribuire l’oceano Indiano, come spiegano sulla rivista Nature Climate Change i ricercatori delle università della California di San Diego e di Yale. Articolo su Repubblica
  • PETROLIO: Dopo l’attacco di ieri ai pozzi sauditi che ha fatto schizzare il petrolio a nuovi record, dal punto di vista finanziario il greggio ritraccia leggermente con il Brent sotto i 69 dollari e il Wti sotto i 62 dollari, mentre restano ancora ben comprati i titoli delle società petrolifere. Articolo su IlSole24Ore
  • ISRAELE: Circa sei milioni di israeliani tornano oggi alle urne – resteranno aperte dalle 7 alle 22 – per la seconda volta in pochi mesi. Il voto per il rinnovo della Knesset sarà l’ennesimo referendum sul premier uscente Benyamin Netanyahu. Articolo su NenaNews
  • MIGRAZIONI: Visto che le cime montuose possono aiutare a preservare dai cambiamenti climatici quelle specie vegetali capaci di sopravvivere alle temperature più rigide, il riscaldamento globale metterà in rilievo l’importanza delle aree ad alta quota in zone coperte da foreste pluviali tropicali. Articolo su Repubblica
RASSEGNA STAMPA 16 SETTEMBRE 2019
 
DAI TERRITORI:
  •  SIN: Sabato 14 hanno manifestato i cittadini dei luoghi più inquinati d’Italia. Sono a Livorno, Taranto, Manfredonia, Falconara, Augusta e Gela: sei Siti di interesse nazionale (Sin) a fare da portavoce per tutti e 41,sono scesi in piazza alla stessa ora, richiedere interventi comuni dagli studi epidemiologici dettagliati agli interventi di bonifica. Articolo su Open
  • SICUREZZA: Nonostante il governo gialloverde sia caduto – e quello giallorosso si sia appena insediato – le vecchie leggi restano. In particolare, i due decreti simbolo “Sicurezza e Immigrazione” e “Sicurezza-Bis” continuano a regolamentare il fenomeno immigratorio in Italia e la gestione dell’ordine pubblico. Video e Articolo su DinamoPress
  • MILAZZO: Secondo fonti della Raffineria di Milazzo «alle ore 12:20 circa si è verificato un principio di fumosità da un accoppiamento flangiato di una colonna dell’impianto LCF. Pronto l’intervento del personale addetto». Articolo su OggiMilazzo
  • GLOBAL STRIKE:
    – I sindacati stanno rispondendo alla chiamata degli attivisti climatici di Fridays for future. Diverse organizzazioni dei lavoratori hanno indetto l’astensione dal lavoro per il prossimo 27 settembre, data del terzo sciopero globale per il clima dopo quelli del 15 marzo e del 28 maggio di quest’anno. Articolo su DinamoPress
    – Federica Gasbarro, 24 anni, portavoce del movimento Friday for the Future Roma e attivista contro i cambiamenti climatici, rappresenterà l’Italia al primo Summit dei giovani sul clima organizzato dalle Nazioni Unite. Articolo su LaStampa
  • IPCC: Riccardo Valentini (Fondazione CMCC, Centro Euro-Mediterraneo sui cambiamenti Climatici e università della Tuscia), unico autore italiano del Rapporto Speciale dell’Ipcc su cambiamenti climatici e territorio, ha detto che, nel rapporto emergono due notizie per l’Italia. La notizia cattiva è che si trova al centro della regione Mediterranea, una delle aree più interessate da impatti significativi degli eventi estremi. La buona è che il nostro Paese può dare al mondo segnali positivi. Articolo su GreenReport
  • LUCE: L’Italia è uno dei Paesi più luminosi del continente e non bada a spese. Tanto che il consumo di energia elettrica pro capite per l’illuminazione pubblica è il doppio di quello della media europea, e quasi il triplo di quello della Germania. E le province più povere sprecano più corrente delle altre. Articolo su LaStampa
  • LUCHA ALLA CITTA': “L’idea è che Lucha y siesta sia acquistato dalla cittadinanza e torni a essere un bene collettivo: abbiamo lanciato un comitato a cui hanno aderito al momento centinaia di cittadini, associazioni, organizzazioni non governative. Nel concordato il valore dello stabile è stato valutato oltre i due milioni di euro. Ora chiediamo alle istituzioni che ci assicurino almeno la prelazione sull’immobile al momento della vendita”. Articolo su Internazionale
  • VULCANI: Scoperto un nuovo complesso vulcanico sottomarino nel Mar Mediterraneo, a 15 chilometri dalle coste tirreniche della Calabria: è composto da tre montagne principali, chiamate Diamante, Enotrio e Ovidio, di cui quest’ultimo formato a sua volta da cinque vulcani, di cui uno un pò più grande del Vesuvio. Articolo su Repubblica
DAL MONDO:
  • OCEANI:  Nei mari sempre più caldi la vita resiste grazie alle piante. Con il riscaldamento degli oceani causato dal cambiamento climatico, agli animali marini serve più ossigeno disciolto in acqua per sostenere il proprio metabolismo accelerato dal calore ed evitare ripercussioni fisiologiche. Articolo su Repubblica 
  • GLOBAL STRIKE: La campagna settimanale Fridays for future prosegue raccogliendo aderenti tra «tutti coloro che hanno a cuore il nostro futuro», soprattutto i coetanei di chi ha lanciato l’iniziativa, come l’adolescente Greta Thunberg. Articolo su Open
  • GAS: Il tema della decarbonizzazione dell’Europa è uno dei temi centrali dell’agenda europea. E in questo macrotema, che coinvolge l’intera economia e non solo il settore energetico, la questione che rimane più divisiva è quella che riguarda il gas. Articolo su Recommon
  • PETROLIO: Due giganteschi siti petroliferi dell’Arabia Saudita, gestiti dalla compagnia di stato Aramco, sono stati attaccati con dei droni nella giornata di sabato 14 settembre. Le due strutture sono situate nelle città di Khurais e Abqaiq, nelle quali viene trattata la maggior parte del petrolio destinato all’esportazione. Articolo su LifeGate
  • BOLIVIA: Sono oltre un milione e duecentomila gli ettari in fiamme nell’Amazzonia boliviana, anche per politiche di disboscamento delle foreste attraverso roghi controllati soprattutto nelle Regioni di Beni e Santa Cruz. Articolo su LaStampa
  • GLIFOSATO: I sindaci di Parigi, Grenoble, Lille, Nantes e Clermont-Ferrand hanno vietato l’uso di glifosato. Una scelta simbolica a sostegno dei piccoli comuni contrastata dall’amministrazione statale. Articolo su LifeGate
  • CLIMA:  Il team scientifico internazionale Scopsco (Scientific Collaboration on Past Spectation Conditions in lake Ohrid) ha pubblicato sulla rivista Nature i risultati di uno studio paleoambientale sul Lago Ocrida (Ohrid in inglese), il più antico d’Europa, che può svelare tendenze future del cambiamento climatico nel Mediterraneo. Articolo su Repubblica
RASSEGNA STAMPA 13 SETTEMBRE 2019
 
DAI TERRITORI:
  • MORTI BIANCHE: Annegati in una vasca. Così sono morte quattro persone in un incidente sul lavoro avvenuto ieri in un’azienda agricola di Arena Po nell’Oltrepo. Articolo su IlFattoQuotidiano
  • ENEA: Federico Testa, presidente dell’ l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (Enea), e Lorenzo Cagnoni, presidente di Italian Exhibition Group (Ieg), hanno sottoscritto un accordo triennale di collaborazione per l’economia circolare, le fonti rinnovabili, la mobilità sostenibile, le smart cities ed eventuali altri settori d’interesse. Articolo su GreenReport
  • RADIO:  il World Wide Web continua ad esprimere rilevante importanza rispetto a un processo di continua e radicale trasformazione della comunicazione digitale. Se da un lato le nuove tecnologie e il web 2.0 hanno ormai aperto un canale alternativo di fruizione di contenuti, interazione ecc, dall’altro l’esigenza di riempire di saperi questi binari sembra essere tuttora preminente. Articolo verso l’Assemblea del 28 settembre a Roma su GlobalProject
  • AMIANTO: la soddisfazione per il Decreto Fer1 rischia di durare poco: l’accesso a queste agevolazioni non sembra poi così semplice per chiunque decida di sostituire un tetto o una copertura in eternit. E’ quello che sostiene Giorgio Pucci, esperto di fotovoltaico e presidente di Enerqos Energy Solutions. Articolo su GreenReport
  • BRACCIANO: Il Tribunale Superiore per le Acque Pubbliche ha respinto il ricorso di ACEA e Roma Capitale contro lo stop ai prelievi di acqua imposto dalla Regione Lazio. Si chiude finalmente, in modo positivo, la vicenda che ha visto contrapporsi da un lato ACEA dall’altro cittadini e istituzioni locali sul prelievo delle acque del lago di Bracciano, che attraversa ancora oggi una gravissima crisi idrica esplosa nell’estate del 2017. Articolo su DinamoPress
  • ECOMAFIA: Nella Penisola continua l’attacco di ecocriminali ed ecomafiosi nei confronti dell’ambiente: ciclo illegale del cemento e dei rifiuti, filiera agroalimentare e racket degli animali sono nel 2018 i settori prediletti dalla mano criminale che continua a fare super affari d’oro. Articolo su LaStampa
  • CETA: Si torna a discutere di Ceta, l’accordo di libero scambio tra Ue e Canada, dopo le dichiarazioni del ministro delle politiche agricole Teresa Bellanova che ne vorrebbe l’immediata ratifica. Articolo su GreenMe
  • FERTILITA': Il divario tra Nord e Sud del Mediterraneo è destinato ad aumentare, e le minacce sono l’uso di fertilizzanti chimici e l’abbandono della dieta mediterranea. Per invertire queste previsioni, uno studio dell’Università di Siena, che ha coinvolto esperti di entrambe le sponde del Mediterraneo, delinea le strategie per le sfide sociali, ambientali ed economiche. Articolo su LaStampa
DAL MONDO:
  • ACQUA DOLCE: Fiumi e laghi coprono circa l’1% dell’intera superficie terrestre, ma ospitano un terzo di tutte le specie di vertebrati del mondo e gran parte delle specie di acqua dolce sono fortemente minacciate. Articolo su GreenReport
  • MAPUCHE: L’intervento di Moira Millan al Venice Climate Camp ha tracciato un quadro potente e complessivo della straordinaria capacità di resistenza a cinquecento anni di colonialismo delle comunità indigene. Un’esperienza che arricchisce la lotta contro i cambiamenti climatici e tutte le lotte del pianeta. Articolo su GlobalProject
  • MICROPLASTICHE: L’attenzione verso l’inquinamento causato dalle microplastiche è in aumento e crescono gli studi volti a indagare le conseguenze della contaminazione ambientale delle particelle di plastica. Articolo su GreenMe
  • MESOAMERICA: La crisi climatica sta mettendo a dura prova l’area del Dry Corridor, in America Centrale, arrivata al quinto anno consecutivo di siccità. Servono interventi di resilienza a lungo termine. E le donne, soprattutto, potrebbero giocare un ruolo chiave. Lo spiega Antonella D’Aprile del World Food Programme. Articolo su LaStampa
  • MESSICO: La messicana PEMEX è la compagnia petrolifera più indebitata del mondo. E sulla sua crisi pesa anche il contributo dei narcos e del mercato nero. Articolo su Valori
  • AIDS: Trentadue milioni di persone sono morte dall’inizio dell’epidemia di Hiv a oggi. L’Aids continua a uccidere in tutto il mondo, nonostante i progressi nelle cure e nell’assistenza ai malati. La maggior parte delle vittime vive in Africa. E tanti sono bambini. Articolo su OsservatorioDiritti
RASSEGNA STAMPA 12 SETTEMBRE 2019
 
DAI TERRITORI:
  • SCUOLE: Le esperienze delle “Scuole Aperte Partecipate e Condivise” condotte da dirigenti scolastici e cittadini coraggiosi hanno fatto nascere un modello alternativo e sostenibile, che non diminuisce l’importanza dell’istruzione come bene pubblico ma, anzi, ne allarga i confini. Articolo su ComuneInfo
  • ACERRA: Oltre 2.000 persone sono scese in piazza ad Acerra, vicino Napoli, nel centro della “terra dei fuochi” tra la provincia di Napoli e Caserta, per protestare contro il fenomeno dei roghi tossici. “E’ una guerra, siamo in un paese civile ma viviamo da terzo mondo – ha spiegato Sergio Pizzo di Stop Biocidio Acerra. Articolo e Video su FanPage
  • STUDENTATI: Le residenze per studenti si evolvono verso formule più internazionali. In Italia, rispetto all’estero, la strada da fare è ancora molta, ma il segmento è entrato anche nel mirino degli investitori internazionali e nazionali, in cerca di nuove asset class sulle quali puntare per portare a casa rendimenti interessanti. Articolo su IlSole24Ore
  • CETA: La neoministra italiana Teresa Bellanova ha sostenuto che il Ceta “s’ha da fare” collocandolo tra quei temi, come Ogm e Xylella, per i quali il suo dicastero si affrancherà da foschi “sciamani” forieri di sottosviluppo. Articolo su ComuneInfo
  • XYLELLA: Dopo la Puglia, la Xylella degli ulivi arriva in Francia, ad Antibe e Mentone, due città del dipartimento Provenza-Alpi-Costa Azzurra ai confini con la Liguria. E ora anche in questa regione c’è preoccupazione per un’estensione del contagio. Articolo su IlSole24Ore 
  • ABITARE: Se c’è una cosa di cui c’è urgenza di sbarazzarsi, quando si parla di edilizia popolare e problemi dell’abitare nelle capitali europee, sono gli occhiali del pregiudizio. Quello di aiutarci a farlo, è uno dei grandi meriti di “ImpAsse. Roma-Berlino. Periferie alla svolta“, il libro fotografico che raccoglie un magistrale progetto di Pasquale Liguori, che verrà presentato al Macro, domani. Articolo su ComuneInfo
  • BATTIPAGLIA: Un vasto incendio ha colpito, questa notte, la zona industriale di Battipaglia, nella provincia di Salerno. A bruciare il deposito di un’azienda che trasforma pneumatici in bitume. La Protezione Civile, oggi, ha disposto la chiusura di attività commerciale e scuole della zona. Articolo su FanPage
  • SARDEGNA: Da 13 anni, Serpentara, la minuscola isola sarda vicino a Villasimius (Cagliari) era finita in vendita, senza compratori. Fino alla svolta di qualche giorno fa, quando è stata acquistata da un imprenditore romano. Articolo su Corriere
DAL MONDO:
  • ROTTE: Attraverso gli accordi di respingimento bilaterali tra l’Italia e i paesi dell’est Europa si sta facendo passare l’idea che nei Balcani le frontiere (anche interne all’UE) esistano ancora, almeno per una parte della popolazione del mondo, almeno per chi non viene considerato, a priori, degno di costruirsi una vita in Europa. Articolo su DinamoPress 
  • INCENDI: La maggiore diffusione e intensità degli incendi è attribuita dagli esperti al cambiamento climatico. In effetti, è noto che temperature più alte favoriscono le fiamme. A loro volta gli incendi contribuiscono al cambiamento climatico perché rilasciano nell’atmosfera anidride carbonica e distruggono la vegetazione che l’assorbe. Articolo su Internazionale
  • UE: Il vicepresidente esecutivo della nuova Commissione europea, Frans Timmermans, avrà il doppio ruolo di coordinare il green deal europeo e di gestire le politiche di azione legate al clima. Il lituano Virginijus Sinkevi?ius sarà invece commissario per l’Ambiente e gli oceani. Lo ha annunciato la presidente eletta, Ursula von der Leyen, durante la conferenza stampa in cui ha presentato la sua squadra di governo. Articolo su LifeGate
  • MEDITERRANEO: Il gommone su cui viaggiava un gruppo di profughi siriani è stato attaccato in pieno mar Egeo dalla guardia costiera turca mentre cercava di raggiungere l’isola greca di Lesbo. Un video documenta le urla e i pianti dei bambini, impauriti di fronte alla violenza dei marinai delle motovedette. Intanto sulle isole greche è emergenza umanitaria. Articolo e Video su FanPage
  • BAHAMAS: Il passaggio dell’uragano non ha risparmiato un deposito petrolifero della compagnia norvegese Equinor, situato a pochi chilometri di distanza dal villaggio di High Rock. Le strutture sono state danneggiate e il petrolio è fuoriuscito dal sito. Articolo su LifeGate
  • ISRAELE: Benjamin Netanyahu, nel tentativo di vincere le elezioni generali del 17 settembre in Israele, alza la posta ogni giorno con un nuovo annuncio: se il 9 aveva insistito sulla minaccia nucleare iraniana, il giorno dopo ha parlato di un progetto di annessione della valle del Giordano e di una parte della Cisgiordania vicina al mar Morto, territori occupati nel 1967. Articolo su Internazionale
  • NIGERIA: Il ritmo di erosione delle coste dell’Africa occidentale – secondo un’analisi della Banca mondiale – è compresa tra l’1 e i 4 metri l’anno. L’oceano Atlantico avanza, inghiottendo, in previsione, persino la megalopoli di Lagos, in Nigeria, con i suoi 21 milioni di abitanti. Articolo su LifeGate
  • AMAZZONIA: Vandria, leader indios di etnia Borari, è la prima donna nello stato del Parà a diventare avvocato: denuncia i crimini contro la foresta amazzonica e gli indios e chiede aiuto e una mobilitazione internazionale in difesa dell’Amazzonia. Video su Repubblica
RASSEGNA STAMPA 11 SETTEMBRE 2019
 
DAI TERRITORI:
  • PARCO DI AGUZZANO: Continua la battaglia portata avanti dal Forum per la Tutela del Parco di Aguzzano per garantire l’uso pubblico dei Casali all’interno del parco, nonostante l’amministrazione municipale sia intenzionata a procedere con l’affidamento a privati. Articolo su DinamoPress 
  • CASA:La storia dell’emergenza abitativa di Roma diventa un film e viene premiata a Venezia. L’intervista a Arianna Lodeserto, regista de “La casa che eravamo”, vincitrice del premio I love Gai di Siae costola del festival del cinema di Venezia su RomaToday
  • ENI: Non basta produrre biodiesel da olio di palma per diventare una multinazionale green. Specie se IPCC e Commissione Europea, nel giro di pochi mesi, confermano che la produzione dei biocarburanti di prima generazione, ottenuti da una coltivazione intensiva come la palma da olio, è dannosa per l’ambiente, l’uomo e il clima. Articolo su Valori
  • AMA: Non siamo ancora all’emergenza di inizio estate, ma la questione rifiuti resta una bomba a orologeria. La città è ripartita a pieno ritmo e la produzione di immondizia indifferenziata si aggira nuovamente intorno alle 3mila tonnellate al giorno. Articolo su RomaToday
  • ECODOM: Il primo Consorzio in Italia per la gestione dei rifiuti delle apparecchiature elettriche ed elettroniche presenta il Rapporto di Sostenibilità 2018. Ecodom ha gestito lo scorso anno 126 milioni di tonnellate di rifiuti ed evitato l’immissione nell’atmosfera di 808 mila tonnellate di anidride carbonica. Articolo su LaStampa
  • CORALLO: E’ stata individuata l’organizzazione composta da pescatori napoletani che dietro società formalmente costituite per la ricerca scientifica e lo sviluppo sperimentale nel campo delle scienze naturali, commercializzava il “Corallium rubrum”, specie a rischio di estinzione, estratto dai fondali della Costiera Amalfitana. Articolo su Repubblica
  • LECCE: Incendio in una vasta area di canneto e bassa macchia a Gallipoli, sulla costa ionica. Il rogo ha colpito un’area che si affaccia su due grandi insediamenti alberghieri. Articolo su GazettaDelMezzogiorno
DAL MONDO:
  • USA: I funzionari del U.S. Meteorological Service, il servizio meteo americano la cui integrità scientifica è praticamente venerata, sono in aperta polemica (per usare un eufemismo) contro Donald Trump, il cui ufficio avrebbe fatto pressione sull’agenzia Noaa, per ottenere rettifica della smentita dei suoi tweet. Articolo su Repubblica
  • MEDITERANEO:
    – A Malta, dovrebbe svolgersi il mini-summit sul tema migranti tra quattro ministri dell’Interno europei (Italia, Malta, Francia e Germania) il 23 settembre. L’informazione è ancora ufficiosa. Alla riunione parteciperanno anche Finlandia (presidenza di turno del Consiglio dell’Ue) e la Commissione europea. Articolo su Today
    – La scorsa notte, 84 persone sono state prese a bordo da un veliero tedesco e poi trasferite sulla nave di Sos Mediterranee e Msf. La ministra Lamorgese ieri sera aveva negato l’approdo alla ong Sea-Eye. La Ocean Viking rifiuta Tripoli e chiede un porto anche all’Italia. Articolo su Repubblica
  • NORVEGIA: Il governo di Olso ha impiegato quasi due anni prima di fornire il proprio parere sulla decisione del Fondo Sovrano Norvegese di interrompere gli investimenti sul fossile. Nel marzo scorso il ministro delle Finanze Siv Jensen ha tuttavia confermato la strategia, annunciando un disinvestimento progressivo. Articolo su Valori
  • COLOMBIA: Costretti ad abbandonare le terre ancestrali. Le abitazioni. E a fare i conti con nuove malattie, che ne mettono a rischio la salute. I diritti degli indigeni Nutabe in Colombia sono messi in pericolo dalla centrale idroelettrica di Hidroituango, che dovrebbe entrare in funzione l’anno prossimo. Articolo su OsservatorioDiritti
  • AMAZZONIA: Il pensatore e militante uruguayano Raul Zibechi riflette sugli incendi in Amazzonia e sul complesso intreccio di poteri multinazionali e statali che ruotano intorno alle grandi foreste. Articolo su DinamoPress
  • ONU: Il trattato vincolante per le imprese multinazionali in materia di diritti umani ha raggiunto una nuova tappa. Il gruppo di lavoro intergovernativo del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, infatti, ha pubblicato una bozza che sarà discussa a ottobre a Ginevra. Articolo su OsservatorioDiritti
RASSEGNA STAMPA 10 SETTEMBRE 2019
 
DAI TERRITORI:
  •  MEDITERRANEO: La nave di Sos Mediterranee e Msf ha già chiesto l’assegnazione di un porto sicuro, ma fino ad ora non ha avuto alcuna risposta né dalla sala operativa di Tripoli, competente nella zona in cui è avvenuto il soccorso, né da Italia e Malta. Articolo su Repubblica
  • NO TAP: Nuova inchiesta aperta dalla procura di Lecce per violazione dei vincoli paesaggistici, abusi edilizi, inquinamento di falda, violazione della V.I.A. (Valutazione di impatto ambientale) riferita al TAP (Trans Adriatic Pipeline) del tratto terminale del gasdotto nel territorio di Melendugno. Guarda la scheda del conflitto sull’Atlante Italiano dei Conflitti Ambientali del CDCA. Articolo su InfoAut
  • ELISA: La storia sociale e culturale del femminicidio viene ribaltata in un attimo dalle parole che decorano il rafrain dell’amore romantico. È anche grazie a questo che le donne continuano a morire. Non riusciamo a dare le responsabilità agli uomini che le ammazzano senza pietà. Vale anche per Elisa. Articolo su ComuneInfo
  •  RIDERS: Dopo più di un anno di tavoli e dichiarazioni da parte del Ministro Di Maio entra in vigore il Decreto per la tutela del lavoro e per la risoluzione di crisi aziendali, nel quale sono contenute anche le disposizioni che riguardano i riders, lavoratori del food-delivery. Articolo su InfoAut
    Per la tutela del fatturato ma non dei fattorini. Le ridicole disposizioni sui riders
  • LUCHA Y SIESTA: Cosa c’è dietro lo sgombero annunciato della casa delle donne. Una lunga storia di appalti sospetti, debiti, truffe ai contribuenti, disservizi di cui si è resa protagonista negli ultimi dieci anni l’azienda di trasporti pubblici dei romani, proprietaria dell’immobile nella zona di Cinecittà in via Lucio Sestio. Articolo su DinamoPress
  • SCUOLA: Se non è un boom di supplenti poco ci manca. In coincidenza con la prima campanella dell’anno scolastico, che dopo Bolzano suonerà oggi in Piemonte e poi via via in tutte le altre Regioni fino alla Puglia il 18, migliaia di studenti italiani si ritroveranno a fare i conti di nuovo con l’emergenza professori. Articolo su IlSole24Ore
  • DELLE CHIAIE: E’ morto Stefano Delle Chiaie, conosciuto negli ambienti neofascisti romani come ‘Er caccola’, è stato uno dei “fantasmi neri” degli anni bui della strategia della tensione. Il suo nome è legato alle principali stragi che insanguinarono l’Italia negli anni ’70. Per questo e altri motivi, di certo non ci mancherà. Articolo su Repubblica

DAL MONDO:

  •  BAHAMAS: Grand Bahama “è morta”. L’isola dell’arcipelago più colpita dall’uragano Dorian non si riprenderà, è rasa al suolo. Centinaia di persone sono senza casa e cercano riparo in Florida, negli Stati Uniti. Ma molti non riescono a partire a causa delle politiche di immigrazione Usa. Articolo su Repubblica
  • MARKETING: Si può utilizzare l’etica per fare del marketing? A parole sì, soprattutto se si è del tutto privi di vergogna e si ha un gran bisogno di rifarsi l’immagine. È quel che è accaduto alla Tavola Rotonda del business, dove 180 capitani d’impresa hanno firmato una carta “etica” e per far sapere in giro che non si preoccuperanno più solo di fare stratosferici profitti con qualsiasi mezzo lecito e illecito. Articolo su Comune-Info
  • SNAM: Snam punta sugli Usa. Il gruppo guidato da Marco Alverà è in corsa per il gasdotto statunitense Rover che collega i bacini di shale gas (gas di scisto) di Marcellus e Utica negli Appalachi ai mercati chiave degli States.Articolo su IlSole24Ore
  • DISPLACED PEOPLE: Definire il fenomeno migratorio all’interno della cornice del cambiamento climatico è, allo stesso tempo, semplice e complesso. Semplice perchè gli accadimenti degli ultimi anni lo hanno fatto diventare tema di dibattito mainstream. Complesso perchè è il risultato di un processo storico secolare, dominato da un sistema capitalista che si fonda sulla distruzione sistemica di alcuni territori e su un estrattivismo senza freni.Articolo su GlobalProject
  • MAPUCHE: Ascoltare Moira Ivana Millán, portavoce del popolo Mapuche e coordinatrice del Movimiento de Mujeres Indigenas por el Buen Vivir, in questi giorni in Italia, significa arricchirsi prima di tutto della straordinaria capacità di resistenza a cinquecento anni di colonialismo delle comunità indigene. Articolo su ComuneInfo
  • FUKUSHIMA: La società Tokyo Electric Power, che gestisce la centrale nucleare giapponese di Fukushima gravemente danneggiata dal sisma e dallo tsunami di marzo 2011, verserà nell’Oceano Pacifico acqua radioattiva. Lo ha annunciato il ministro dell’Ambiente Yoshiaki Harada, sottolineando che si tratta dell’unica opzione possibile. Articolo su Repubblica
  • BOLIVIA: L’emergenza incendi non ha colpito solo il Brasile, anche dalla vicina Bolivia, amministrata ormai da 13 anni dal presidente indigeno e progressista Evo Morales, giungono immagini forti di boschi avvolti dalle fiamme. Articolo su GlobalProject
  • MOVIMENTI:La giustizia ambientale, cioè la salvaguardia e il rispetto della Terra, non può essere disgiunta dalla giustizia sociale, cioè dal riscatto degli oppressi, degli sfruttati e degli esclusi. Ne parliamo all’Assemblea Nazionale di Energie in Movimento. Articolo su ComuneInfo
RASSEGNA STAMPA 9 SETTEMBRE 2019
 
DAI TERRITORI:
  • CLIMATE CAMP:
    – Nell’ultima giornata del campeggio climatico internazionale al Lido di Venezia è stata rilanciata una campagna legale chiamata “Giudizio Universale”. Il piano è quello di unire agli incontri di studio e di scambio di buone pratiche e alle proteste, una vera e propria causa legale. Videointervista su IlFattoQuotidiano
    – Un flash mob, una marcia, l’occupazione del red carpet e pure una battaglia navale. Il Climate Camp non si è fatto mancare nulla e ha voluto dimostrare al mondo che alle parole debbono seguire i fatti. Tante le iniziative di lotta che hanno colorato il primo campeggio climatico di Venezia. Articolo su IlManifesto
    -Si sono svegliati in centinaia, alle 5 del mattino, e dal campeggio internazionale per la giustizia climatica “Venice Climate Camp” si sono diretti verso il red carpet del Festival del Cinema di Venezia, che occupandolo contro il riscaldamento globale. Articolo e video su IlFattoQuotidiano
  • CIMICI: Per fermare l’invasione della cimice asiatica arriva il via libera alla diffusione in Italia della vespa samurai, nemica naturale dell’insetto che sta devastando meli, peri, kiwi, ma anche alberi di pesco e albicocca, ciliegi e piante da vivai con danni per ora calcolati in circa 250 milioni di euro. Articolo su Repubblica
  • API: “Le api muoiono di fame”. L’allarme dei produttori di miele toscani, dove la produzione è calata, in alcune zone, anche dell’80%. L’associazione nazionale di categoria chiede lo stato di calamità: “Le api sono responsabili del 75% di ciò che arriva sulle nostre tavole tra frutta, verdura, semi e noci”. Articolo su IlFattoQuotidiano
  • HOMELESS: Il pensiero comune è che sia l’inverno la stagione più terribile per i senzatetto. Ci si immagina che gelo e pioggia possano spezzare un cuore: ed è vero, ma solo a metà. L’estate, se possibile, può essere ancora più feroce. I centri d’aiuto rallentano le loro attività, i volontari diminuiscono il loro impegno e le persone spesso restano sole, torturate e sfinite dal caldo, dalle malattie e dall’impotenza. Articolo su Internazionale
  • SICUREZZA:  Il ministro dell’Ambiente Sergio Costa ha firmato il decreto attuativo che trasferisce alle regioni i fondi del Piano Stralcio da 315 milioni di euro destinati ai progetti esecutivi di tutela del territorio dal dissesto idrogeologico. Articolo su Repubblica
  •  ACCOGLIENZA: La nuova coalizione di governo italiana, per quanto fragile, rappresenta un’opportunità per il Paese di abbandonare le politiche migratorie che mettono a repentaglio le vite e tornare a quelle fondate sul rispetto dei diritti umani, compreso il diritto alla vita. Articolo su GreenReport

DAL MONDO:

  • AMAZZONIA:
    – Maria Borghi è campaigner foreste di Greenpeace Italia. Ha vissuto e lavorato in Amazzonia per diverso tempo, osservando lo sviluppo degli incendi nel corso degli ultimi anni e denunciando il loro intreccio al modello di produzione e consumo dei paesi occidentali. «Serve un nuovo paradigma per il sistema agro-alimentare, promuovendo pratiche agricole sostenibili ed ecologiche», afferma in questa intervista su DinamoPress
    – Durante il viaggio di ritorno da quelle terre, riportano gli invitati di lavaca.org, “ci rendiamo conto che una notte senza luna può essere illuminata dalle fiamme che, sul lato della strada, bruciano tutto quello che può essere bruciato”. Articolo su DinamoPress
  • FRANCIA: Un’autentica strage. Il bilancio delle vittime delle due ondate di caldo estremo che hanno colpito la Francia dapprima alla fine di giugno, quindi durante il mese di luglio, è agghiacciante. Secondo quanto comunicato dal ministro della Salute di Parigi, Agnès Buzyn, sono quasi 1.500 le persone che hanno perso la vita a causa della canicola. Articolo su LifeGate
  • CILE:  Geotérmica del Norte – una joint venture tra Enel Green Power ed ENAP – ha avviato la costruzione di una terza unità da 33 MW, nella centrale geotermica di Cerro Pabellón, sull’altopiano cileno del deserto di Atacama. Il progetto, che comporta un investimento di circa 100 milioni di dollari, prevede la completa operatività entro il secondo semestre del 2020. Articolo su GreenReport
  • CINA: Le dighe made in Cina stanno uccidendo il Mekong, uno dei fiumi più grandi dell’Asia e il settimo più esteso al mondo. Centinaia di migliaia di pescatori e contadini, che da sempre hanno vissuto grazie al Mekong, saranno costretti ad andare via dai loro villaggi. Articolo su OsservatorioDiritti
  • DESERTIFICAZIONE: In risposta all’aggravarsi della migrazione forzata causata dal degrado dei suoli, 14 Paesi africani hanno lanciato l’Iniziativa Sustainability, Stability and Security (3S) che punta a ripristinare le terre degradate e a creare posti di lavoro verdi per i migranti e i gruppi vulnerabili. Articolo su GreenReport
  • ACCOGLIENZA: Sono 1.100 i minorenni migranti e rifugiati non accompagnati che vivono nei centri d’accoglienza e identificazione delle isole greche. Il numero più alto registrato nel paese dall’inizio del 2016, denuncia l’Unicef, che lancia un appello a tutti i paesi europei. Articolo su OsservatorioDiritti
  • CRISI CLIMATICA: Le conseguenze dei cambiamenti climatici non possono essere lette solo in chiave ambientale ed economica. Hanno effetti importanti sulle crisi umanitarie in atto e ne creano di nuove. Articolo su Internazionale
RASSEGNA STAMPA 6 SETTEMBRE 2019
DAI TERRITORI:
  • GOVERNO: Lo street artist internazionale TvBoy colpisce ancora e celebra con un murale il nuovo governo nato dall’unione di Partito Democratico e Movimento Cinque Stelle. Conte, Di Maio e Zingaretti sono raffigurati come le Tre Grazie ne “La Primavera” di Botticelli e Raffaello, mentre Matteo Renzi è un Cupido che scaglia la freccia dell’amore. Articolo su FanPage
  • CIBO:  Lo spreco di cibo a livello domestico in Italia – è stato quindi sottolineato – vale quasi 12 miliardi (esattamente 11.858.314.935 euro), ai quali va sommato lo spreco alimentare di filiera (produzione – distribuzione), stimato in oltre 3 miliardi (3.176.032.413 euro), ovvero il 21,1% del totale. Articolo su Repubblica
  • SALVINI: Il Conte bis, una fedelissima di Alfano al suo posto al Viminale, Gentiloni a rappresentare l’Italia in Europa, l’indagine per gli insulti a Carola Rackete, la riabilitazione di Mimmo Lucano: è la Waterloo di Matteo Salvini, il suo giorno più nero. Ma c’è poco da illudersi, la partita continua e il leader leghista ha ancora molte carte da giocare. Articolo su FanPage
  • INVESTIMENTI: La nuova bozza di politica della Bei eliminerà i prestiti per progetti legati all’energia fossile. Ma l’Italia potrebbe unirsi a Polonia e altri per bocciarla, con il voto negativo determinante del rappresentante del ministero dell’Economia. Articolo su LaStampa
  • CLIMATE CAMP: Il focus lab “Crisi Climatica ed ecotransfemminismi” ha affrontato, secondo varie prospettive tematiche, il rapporto tra capitale e vivente nella sua dimensione più ampliata. In particolare si è indagato sulle relazioni che ci sono fra le tante “nature” umane e non umane che il capitalismo sfrutta e sulle conseguenti lotte che ci sono nel pianeta. Articolo su GlobalProject
  • XYLELLA:  La Xylella, il batterio vegetale che, dal 2013, infesta a macchia di leopardo gli ulivi pugliesi, minaccia tutto il sud d’Italia e non solo. Ma c’è una novità. Esiste un fungo, la Beauveria Bassiana, in grado di intervenire sulla cosiddetta sputacchina, il principale insetto vettore della malattia. Articolo su LaStampa
  • VENDESI ROMA: Non è ancora chiaro chi ci sia dietro l’azione di guerriglia comunicativa che ha messo simbolicamente in vendita alcuni tra i più famosi monumenti della città, ma si tratterebbe di una protesta di segno politico. Articolo su FanPage
DAL MONDO:
  • INDONESIA: Un tribunale indonesiano ha negato il permesso di realizzare una grande centrale idroelettrica a Sumatra, in uno degli ecosistemi più variegati del pianeta. Articolo su LifeGate
  • MAPUCHE: Mentre il governo di Sebastián Piñera distribuisce aiuti ai grandi imprenditori agricoli e gli riduce le imposte, nelle regioni mapuche i contadini sono espulsi dai mercati, come mette in evidenza un documento della Comunità di Storia Mapuche. La storia coloniale repubblicana spiega questa brutale asimmetria. Articolo su InfoAut
  • RICERCA: Nonostante una montagna di prove dimostri che team misti avvantaggino la ricerca scientifica, raggiungere l’uguaglianza di genere nella scienza, tecnologia, ingegneria e medicina (STEM) resta una sfida enorme. Articolo su GreenReport
  • FUKUSCHIMA: Tra tre anni alla centrale nucleare di Fukushima non ci sarà più spazio per stoccare l’acqua contaminata. E nessuno ha ancora individuato una soluzione. Articolo su LifeGate
  • BLACK ROCK: Novanta miliardi di dollari. È la perdita stratosferica centrata da BlackRock, colosso della finanza mondiale. La ragione? Aver investito in imprese attive nel settore delle fonti fossili. Nonostante molti azionisti, da tempo, chiedano di non puntare più su business dannosi per il clima e pericolosi per il portafogli. Articolo su Valori
  • PALESTINA: In Palestina è in atto un processo di cambiamento della società che sta mettendo al centro del dibattito politico i diritti delle donne e le diversità di genere ed orientamento sessuale. Si tratta di un processo che troppo a lungo è rimasto in sordina a causa delle problematiche più urgenti, e comunque ancora irrisolte, legate all’occupazione ed alla liberazione. Articolo su GlobalProject
  • GLIFOSATO: Daniel Cueff, uno dei sindaci che si è opposto alla diffusione e all’impiego del Glifosato, è stato portato in giudizio dalla prefettura locale, e sul caso si sono scomodate le massime cariche dello Stato. Dal ministro dell’Agricoltura Didier Guillaume al ministro della Transizione ecologica in carica Élisabeth Borne. Articolo su Valori
  • CARBONFOSSILE: Quando è stato firmato lo storico Accordo di Parigi sul clima, anche le multinazionali del petrolio e del gas hanno promesso di fare la loro parte per la transizione energetica. Per il momento, però, sembrano soltanto parole. Il duro atto d’accusa arriva da un nuovo report dell’autorevole think tank britannico Carbon Tracker Initiative. Articolo su LifeGate
RASSEGNA STAMPA 5 SETTEMBRE 2019
DAI TERRITORI:
  • GOVERNO:  Nella nuova bozza di programma di quella che, grazie all’Internet, sarà la nuova composizione della Maggioranza in Parlamento, è più marcata l’attenzione dedicata allo sviluppo sostenibile, ma la vaghezza con cui viene affrontata la tematica al momento è rimasta la stessa. Articolo su GreenReport
  • RENOIZE: Anche quest’anno il Parco Schuster si è riempito per “Renoize”, l’evento arrivato alla sua undicesima edizione per ricordare Renato Biagetti, ucciso 13 anni fa da due fascisti a Focene. Una galleria fotografica di Daniele Napolitano su DinamoPress
  • RIFIUTI: Da tempo è in corso un duro braccio di ferro tra Ama e l’azienda guidata da Fabio Altissimi ad Aprilia, che ha un contratto per smaltire 2mila tonnellate di indifferenziato a settimana e invece, nell’ultimo periodo, non ne accetta più di 350, giustificandosi che con l’apertura del solo termocombustore di San Vittore, fatica a smaltire gli scarti. Articolo su IlMessaggero
  • SALVA ILVA: Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha emanato il decreto legge relativo alle «Misure urgenti per la tutela del lavoro e la risoluzione di crisi aziendali», approvato dal Consiglio dei Ministri in data 6 agosto 2019. Tra le diverse modifiche al Job Act, però, tema dirimente è il complesso industriale che avvelena Taranto. Articolo su GazzettaDelMezzogiorno
  • JBP: A due date dalla fine, Lorenzo Cherubini ha risposto in modo spazientito alle numerose accuse verso il Jova Beach Party, infamando nuovamente il mondo dell’ambientalismo. Articolo su GreenMe
  • AGRICOLTURA: A causa degli impatti negativi dei cambiamenti climatici, «in alcune regioni dell’Europa meridionale (Italia soprattutto) e del Mediterraneo la produzione agricola e di bestiame diminuirà e potrebbe persino dover essere abbandonata». Articolo su GreenReport
DAL MONDO:
  •  AMAZZONIA:
    – Le prime foto degli inviati seguiti dalla piattaforma indipendente di DinamoPress
    – Oggi è la Giornata globale di azione per l’Amazzonia, indetta dall’Articolazione dei popoli indigeni del Brasile (Apib), ma i devastanti incendi che stanno ancora divorando la foresta pluviale sembrano già usciti dall’agenda politica e mediatica del nostro Paese: eppure le fiamme non si sono fermate, anzi. Articolo su GreenReport
  • GERMANIA: Nonostante la tenuta dei partiti al governo, l’ultima tornata elettorale nelle regioni della Germania dell’Est conferma la crescita e il consolidamento della destra nazionalista e identitaria di Alternative für Deutschland. Per comprenderne le ragioni, bisogna ritornare all’eredità della ex-DDR e agli esiti di una riunificazione incompleta. Articolo su DinamoPress
  • ENI: Il giornalista investigativo Claudi Gatti ricostruisce la storia della presunta tangente del secolo. Quella da 1,1 miliardi di dollari, per cui Eni e Shell stanno rispondendo dell’accusa di corruzione internazionale per la licenza Opl 245 in Nigeria. Articolo su OsservatorioDiritti
  • BOSNIA: Una decisione storica quella delle Nazioni Unite che hanno ordinato alla Bosnia di risarcire una donna violentata da un soldato durante la guerra, e di istituire un piano nazionale di risarcimento dei crimini di guerra. Articolo su GreenMe
  • AUSTRALIA:  L’Australian medical association (Ama), come avevano fatto prima l’American Medical Association, la British Medical Association, Doctors for the Environment Australia e l’Istituto superiore di sanità italiano, ha riconosciuto definitivamente il cambiamento climatico come un’emergenza sanitaria. Articolo su GreenReport
  • THAILANDIA: l turista in Thailandia ha la memoria corta, si interessa poco della politica locale e quello che gli viene venduto è un paese dalla storia millenaria ma senza presente e contraddizioni, così come vuole il brand nazionale: Amazing Thailand. Articolo su DinamoPress

RASSEGNA STAMPA 4 SETTEMBRE 2019

DAI TERRITORI:

  • CLIMATE CAMP: Quattro giorni per discutere e mettere assieme le strategie per contrastarli e fermare il preoccupante trend di riscaldamento del pianeta. Il primo Climate Camp internazionale organizzato dalle ragazze e dai ragazzi di Fridays For Future e dalle attiviste e dagli attivisti del comitato No Grandi Navi si svolgerà da mercoledì 4 a sabato 8 settembre. Articolo su EcoMagazine
  • MARE JONIO: L’enorme felicità per la notizia che la Guardia Costiera avrebbe fatto sbarcare “per motivi sanitari” le ultime 31 persone rimaste a bordo, in poco tempo  si è trasformata in amarezza tra i volontari della Mare Jonio, per i quali è scattata una pesantissima multa da ben 300mila euro per violazione del Decreto Sicurezza Bis. Articolo su FanPage
  • RIFIUTI:
    – “Con l’emergenza ho il timore che la differenziata sia diminuita in percentuale. Dobbiamo ritornare e portarla in altri municipi” ha detto Longoni, in riferimento al caos di inizio estate, quando Roma è stata sommersa di sacchetti di immondizia in ogni dove per settimane in un caos che ha reso difficile se non impossibile differenziare correttamente. Articolo su RomaToday
    – A Montestallonara si dorme con le finestre chiuse. Il 20 agosto si è verificato un incendio la cui coda continua a rendere l’aria irrespirabile. I miasmi raggiungono le abitazioni del piano di zona, una settantina di palazzine costruite tra Ponte Galeria e la Pisana. Articolo su RomaToday
  • NO SNAM: Le polveri uccidono ma il Ministero dell’Ambiente non ha colpevolmente valutato la formazione di particolato secondario derivante dalle emissioni della centrale Snam di Sulmona. Ora un nuovo studio pubblicato con grande enfasi pochi giorni fa dal prestigioso New England Journal of Medicine conferma l’estrema pericolosità delle polveri sottili il cui aumento di concentrazione ha effetti immediati sulla mortalità dimostrando tra l’altro che non ci sono soglie di sicurezza. Comunicato di lancio sul sit-in di oggi pomeriggio su No Hub del Gas
  • RICERCA: Le performance per nazionalità dei ricercatori ci restituiscono la fotografia di un Paese, il nostro, che può contare su ricercatori molto competitivi:?gli italiani sono terzi in Europa con 37 progetti vinti, subito dietro i francesi (38)?e dopo i tedeschi (72). Ma se poi si scorre la classifica dei Paesi che ospiteranno i ricercatori europei per svolgere le loro ricerche – ogni vincitore può scegliere una struttura in Europa – arriva la cattiva notizia che conferma la bassa attrattività. Articolo su IlSole24Ore

DAL MONDO: 

  • ANDE: Per gli abitanti delle Ande peruviane si prevedono gravi problemi idrici. Dal 1987 la superficie dei ghiacciai peruviani si è ridotta del 25 per cento, scrivono i ricercatori Susan Conlon e Kevin Lane su The Conversation. Articolo su Internazionale
  • DANIMARCA: Mp Pension, un fondo di Copenhagen con 20 miliardi di dollari in gestione, ha deciso di disfarsi delle azioni di dieci major petrolifere, tutte colpevoli – senza eccezioni, anche se in qualche caso con attenuanti – di aver tradito gli Accordi di Parigi sul cambiamento climatico. Articolo su IlSole24Ore
  • BCE: Christine Lagarde ha spiegato che da banchiera centrale “rispetterà l’impegno previsto dal mandato dell’istituto monetario, ma utilizzando agilità per adattarsi alla situazione economica”. Si è detta d’accordo con il consiglio direttivo sulla necessità di mantenere, sulla scia del mandato di Mario Draghi,  “una politica monetaria molto accomodante per un lungo periodo di tempo”. Articolo su IlSole24Ore
  • SILVIA ROMANO: Le poche informazioni fornite parlano di grande e totale collaborazione tra Nairobi e Roma. Una dichiarazione che lascia molte perplessità e molti dubbi. Per esempio, dopo una ricerca accurata, sembra che fino a un mese fa nessuno, né italiano, né keniota, abbia chiesto alla Safaricom (una delle due società telefoniche legata alla Vodafone, usate da Silvia) i tabulati delle sue chiamate. Articolo su AfricanExpress
  • HONG KONG:
    – Secondo un’indiscrezione del South China Morning Post, poi confermata da fonti del governo, la Chief executive  Carrie Lam starebbe per “ritirare” la contestata legge sull’estradizione, causa scatenante delle proteste che in queste settimane hanno fatto precipitare nel caos la città. Articolo su Repubblica
    – Come ogni rivoluzione colorata, anche questa non è una pura costruzione mediatica o delle Ong, bensì poggia anche su basi materiali, con il presente incernierato in un pesante passato storico. Una buona analisi di questi fattori, utili per analizzarne i risvolti sul piano dell’intreccio tra lotta di classe e scontro geopolitico Usa/Cina è stata pubblicata in agosto su Infoaut
  • CILE: Il canale di Beagle, alla fine del Mondo, ha rischiato di essere gravemente compromesso dalla realizzazione di un grande allevamento di salmoni. Grazie alla resistenza delle comunità locali e all’opposizione delle istituzioni scientifiche e associazioni ambientaliste, questa minaccia è stata finalmente scongiurata. Articolo su LifeGate
  • DISPLACED PEOPLE: Ormai da oltre due decenni, l’attenzione del mondo si è concentrata sul continuo esodo che dall’Africa, si dirige verso l’Europa, ma non si parla quasi mai di quello che fa rotta verso i ricchi Paesi arabi, trasformandosi in manodopera a basso costo, sfruttata e spesso torturata. Articolo su AfricanExpress
  • CITIES: Si è conclusa la diciottesima Conferenza delle parti (Cop 18) della Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione (Cites), svoltasi a Ginevra, in Svizzera, dal 17 al 28 agosto. La Cites regola il commercio internazionale delle specie di fauna e flora selvatiche minacciate di estinzione e, diversamente da altre convenzioni, può punire i paesi che infrangono i divieti escludendoli dai mercati redditizi. Articolo su LifeGate
  • SUD COREA: Anche se il governo ha investito 120 miliardi di euro negli ultimi 13 anni per aumentare il tasso di natalità del paese, i sudcoreani potrebbero estinguersi entro il 2750. Tra i motivi del crollo delle nascite c’è una cultura del lavoro in cui abbondano gli straordinari e un sistema socioeconomico fortemente maschilista. Articolo su Internazionale
  • BREXIT: A nulla sono servite le minacce di purga politica di Johnson. Ieri sera, oltre venti deputati tory si sono clamorosamente distaccati dal Governo proBrexit anche senza accordo con l’Ue, andandosi a sedere nel lato dell’opposizione, volendo invece domandare un rinvio ulteriore al 2020. Articolo su Repubblica

RASSEGNA STAMPA 3 SETTEMBRE 2019

DAI TERRITORI:

  • CRISI CLIMATICA: Ogni riga rappresenta una città, ogni colonna un anno. Le prime sono ordinate secondo la latitudine dall’alto verso il basso, partendo da Bolzano e scendendo fino a Siracusa, le seconde in ordine cronologico dal 1900 al 2018. L’infografica sugli effetti del riscaldamento globale viste dalla prospettiva di 55 città italiane a cura dell’European Datajournalism Network, pubblicata su IlSole24Ore
  • ENERGIE IN MOVIMENTO: Il 14 e 15 settembre, una due giorni nazionale negli spazi occupati di via del Caravaggio e di Lucha y Siesta sotto sgombero. Uno spazio di discussione con tutt* coloro che nell’ultimo anno hanno costruito tante e diverse forme di mobilitazione e resistenza, dalle frontiere alla crisi climatica. Articolo su DinamoPress
  • CONTE BIS: Il primo atto che dobbiamo chiedere al Conte 2 è quello di riabilitare le Ong che salvano i migranti che affogano nel Mediterraneo. Di scusarsi ufficialmente per aver criminalizzato chi dona il suo tempo e le sue energie per salvare vite umane. Di seppellire per sempre i Decreti sicurezza. Articolo su ilManifesto
  • LUCHA Y SIESTA: Lucha y Siesta, una casa di accoglienza per donne che escono dalla violenza e un centro di aggregazione culturale rischia di chiudere. Un testo con alcuni estratti presenti nel libro “Extracittà” – viaggio nell’autogestione a Roma, che ripercorre la sua storia e la sua esperienza in questi 11 anni. Articolo su DinamoPress
  • CLIMATE CAMP:
    – La crisi climatica si colloca nel terreno più avanzato della lotta tra capitale e bios ed è da questo presupposto che la sfida dei movimenti deve farsi ogni giorno più ambiziosa e complessiva. Articolo di Salvo Torre, Maura Benegiamo, Alice Dal Gobbo e Emanuele Leonardi – del gruppo di ricerca Politica, Ontologia ed Ecologia – su GlobalProject
    – Famosissimi film della storia del cinema sono stati reinterpretati sotto gli effetti del “climate change” da dodici noti fumettisti e illustratori italiani, le cui tavole saranno esposte alla 76° Mostra del Cinema. Articolo su EcoDalleCittà
    – Dal 6 all’8 settembre sarà presentata al Venice Climate Camp, la campagna Giudizio Universale, che anticipa la prima causa legale contro lo stato Italiano, reo di non attuare politiche climatiche ambiziose. Evento su A sud Onlus
    – Sabato 7 settembre entrerà nel cuore della Mostra del Cinema di Venezia quella rivendicazione che le nuove generazioni di tutto il mondo hanno riportato in primo piano oltre lo scetticismo, l’arrendevolezza: una marcia per la giustizia climatica. Evento su Venice Climate Camp  Articolo su GlobalProject

DAL MONDO:

  • IMMANULE WALLERSTEIN: Immanuel Wallerstein è scomparso il 31 agosto all’età di 89 anni. Fu dalla parte degli studenti (era professore associato) nella rivolta del 1968 alla Columbia, è stato un protagonista di molte sessioni del Forum Social Mondiale, ha scritto spesso per la New Left Review ed è stato una delle voci di riferimento dei movimenti globali e della sinistra. Articolo su IlManifesto
  • AMAZZONIA: Dal 2 al 7 settembre, il giornalista Sergio Ciancaglini e il fotoreporter Nacho Yuchark saranno nella regione brasiliana dell’Acre, al confine con Bolivia e Perù, per una copertura giornalistica cooperativa del disastro in corso. Dinamopress, in partnership con lavaca.org, partecipa al progetto e diffonderà in italiano foto e testi.
  • GROENLANDIA:  In Groenlandia il caldo ha sciolto 11 miliardi di tonnellate di ghiaccio. In un solo giorno. Gli effetti dell’ondata di caldo di questa estate sul ghiacciaio di Apusiajik, nella Groenlandia orientale, e sulla vicina zona costiera di Kulusuk sono visibile nelle immagini pubblicate su BusinessInsider
  • OLANDA: Cittadini olandesi sono, da anni, alle prese con una serie infinita di terremoti collegati all’estrazione di una immensa riserva di gas da parte di una joint venture tra Royal Dutch Shell e dalla statunitense ExxonMobil. Articolo su LaStampa
  • ESTRATTIVISMO: Nel capitalismo neoliberista, l’innovazione tecnologica accelera lo sfruttamento delle risorse naturali. Questo genera domanda per nuovi tipi di estrattivismo, allo scopo di nutrire produzione, crescita e consumo, perpetuando un ciclo di consumo ecologicamente degradante. Allo stesso tempo, la cultura del consumo è la massima forza populista – spesso eguagliata alla libertà stessa – regolamentata e assicurata dalle istituzioni democratiche dominanti, senza riguardo al costo socio-ecologico. Articolo su GlobalProject
  • DORIAN: Case scoperchiate. Linee elettriche danneggiate, auto portate via dall’acqua alta che ha coperto le strade e allagato migliaia di abitazioni. Sono solo i primi danni registrati dal passaggio dell’Uragano Dorian nell’arcipelago delle Bahamas. Immagini satellitari su IlSole24Ore
  • DEFORESTAZIONE: Sovrasviluppo, agricoltura intensiva e cambiamenti climatici minacciano la sicurezza dell’umanità. Le cifre da stanziare per far sì che la biodiversità continui a produrre il suo valore positivo sono infinitamente più basse di quelle dei danni provocati dalla sua distruzione. Articolo su BusinessInsider

RASSEGNA STAMPA 2 SETTEMBRE 2019

DAI TERRITORI:

  • LUCHA Y SIESTA: Comune, Atac e Tribunale hanno deciso, la Casa delle donne Lucha y Siesta va chiusa tra pochi giorni. La gravissima decisione è stata comunicata con una lettera in cui compare la richiesta del distacco delle utenze per il 15 settembre e, di conseguenza, l’immediato sgombero dello stabile. Articolo su ComuneInfo
    Partecipa alla prossima assemblea pubblica di NonUnaDiMenoRoma per difendere la Casa delle Donne Lucha y Siesta.
    Il 15 settembre, unisciti all’assemblea nazionale Energie in Movimento che si terrà appositamente nello Stabile di via Lucio Sestio 10.
  • ACQUA:
    – A Roma, gli acquedotti di Malborghetto, Monte Oliviero e Piansaccoccia, situati nei municipi XIV e XV saranno risanati. A stabilirlo è l’approvazione in giunta capitolina del progetto definitivo: dalle strutture, alcuni anni fa, era stato vietato l’uso dell’acqua potabile a causa dei preoccupanti livelli di arsenico. Articolo su RomaToday
    – Per difendersi adeguatamente dal rischio desertificazione, come da quello idrogeologico, occorre un ampio ventaglio d’interventi, che spaziano da una più efficiente gestione delle risorse idriche, ai potenziamenti infrastrutturali citati dall’Anbi, come da interventi incisivi contro i cambiamenti climatici. Articolo su GreenReport
  • BOLOGNA: Uova fresche per un anno, con un contributo di 95 euro a chi se ne prende cura con tanto amore. È l’iniziativa del centro socio-occupazionale La Tartaruga, nelle campagne bolognesi, dove dal 2016, oltre ai laboratori di artigianato e l’orto, è attivo anche un vero e proprio pollaio sociale in cui persone con fragilità cognitiva si prendono cura degli animali. Video su FanPage
  • NAPOLI: Sicurezza dei lavoratori, strapotere delle multinazionali, stallo sul contratto nazionale. Il porto di Napoli è un luogo di osservazione privilegiato per provare a capire cosa succede anche in altri scali italiani. Articolo su Internazionale
  • ELEONORE: La nave Eleonore della Ong tedesca Mission Lifeline ha forzato il divieto di ingresso in acque territoriali e sta facendo rotta verso il porto di Pozzallo (Siracusa), mentre la Mare Jonio si appresta a passare la sua sesta notte a bordo nonostante le consizioni climatiche e di salute dei passeggeri in peggioramento. Articolo su Today
  • CAPORALATO: Un uomo di 55 anni, Pasquale Fusco, è morto stroncato da un infarto mentre raccoglieva meloni in una serra a Varcaturo, frazione di Giugliano in provincia di Napoli. Il malore forse a causa del grande caldo: attesa l’autopsia sulla salma. La vittima lavorava in nero: il proprietario della serra è indagato per sfruttamento della manodopera e omicidio colposo. Articolo su FanPage

DAL MONDO:

  • UGANDA: Ha appena 15 anni, Leah, attivista ugandese che seguendo la campagna dei Fridays For Future, da 8 mesi, ogni venerdì scende nelle strade di Kampala, scioperando per la salvaguardia dell’ambiente, chiedendo al Presidente Yoweri Museveni, di dedicarsi allo stop ai combustibili e ai sacchetti di plastica. Articolo su Repubblica
  • FRIDAYS FOR FUTURE: A un anno dal primo sciopero di Greta Thumberg, un bilancio del movimento ecologista e globale, più importante e diffuso degli ultimi tempi, verso il terzo sciopero mondiale per il Clima del 27 settembre. Articolo su ComuneInfo
  • AUSTRALIA: Con quello che gli aborigeni Wangan e Jagalingou definiscono «un atto vergognoso», il governo del Queensland ha annullato le proprietà aborigene su oltre 1.385 ettari nel Paese di Wangan e Jagalingou, dando così il via libera alla miniera di carbone di Carmichael della multinazionale indiana Adani. Articolo su GreenReport
  • GLIFOSATO: Venti sindaci francesi hanno bandito ilglifosatodai loro comuni, sfidando il Governo nazionale, che ha deciso di intraprendere azioni legali al fine di imporre le leggi che permettono di continuare a usare il controverso diserbante. Articolo su AgriFoodToday
  • DORIAN: L’uragano Dorian sta flagellando le Bahamas con venti fino a 350 chilometri l’ora. Successivamente si muoverà verso la Florida, dove sono state chiuse scuole e l’aeroporto di Palm Beach. Sud Carolina evacua l’intera costa: l’ordine riguarda un milione di persone. Articolo su FanPage
  • IVA: Dal 2007 le norme europee permettono agli Stati di ridurre l’Iva applicata ai prodotti igienici femminili. Molti però applicano ancora l’aliquota massima. Italia compresa. Articolo su Valori
  • G7: L’argomento posto al centro dell’agenda, durante il G7 a Biarritz, è stata la questione ecologica e gli incendi che divampano in Amazzonia, a pretesto per attaccare le politiche di Bolsonaro. Nel frattempo, la città è stata militarizzata, senza riuscire a impedire che le mobilitazioni, in continuità con il movimento che quest’anno ha più caratterizzato il paese ospite del Summit, avessero luogo. Articolo su InfoAut
  • AMAZZONIA: Il 65 % delle terre deforestate è servito al pascolo, il 10 alle attività minerarie, il 6,5 all’agricoltura. Decifrare quel che sta accadendo in Amazzonia, è fondamentale per sottrarla all’incalzante rumore di fondo di un caos informativo senza memoria. Articolo su ComuneInfo
  • GREEN ECONOMY: La retorica della crescita e della necessità di aumento del PIL, in particolare nella sua nuova versione green, sembra ricostituirsi come il mantra a cui dovremo abituarci nei prossimi anni, minacciati dalla recessione. Di conseguenza, contro le nuove chiamate alla responsabilità che deriveranno dalla prossima spirale della crisi economica, ogni prospettiva di greenwashing è da cogliere nella sua nemicità. Articolo su Infoaut
  • SUDAMERICA: La costruzione silenziosa ma inesorabile delle comunità indigene che si autorganizzano dal basso in maniera silenziosa per trasformare radicalmente la società e difendere i territori in cui si abita, raccontata da Raul Zibechi e Juan Wahren su ComuneInfo